FIADONI BRESCIANI

I Fiadoni fanno parte di una delle venti elaborate ricette attribuite alla cucina di Giove, descritte nel Baldus, poema cinquecentesco eroicomico di Teofilo Folengo, mantovano di nascita ma vissuto a Brescia, nel monastero Benedettino di Sant’Eufemia dove era amministratore. Il poema costituito da diciassette libri  per l’esattezza, racconta le vicende epico-cavalleresche di Baldo, un popolano di origini illustri,  con l’animo battagliero e la testa piena di idee grandiose.   Folengo,  attraverso la descrizione delle sue  gesta pseudo cavalleresche, ci offre un ricco e gustoso repertorio della gastronomia dell’epoca  nell’area padana, e fa del cibo uno dei temi più importanti della sua opera.  Riferisce dei mirabilanti banchetti delle corti, così come della cucina del popolo, rustica e nostrana, ma non priva di leccornie.  Dimostra di conoscere bene i casoncelli, le mereconde e i fiadoni, appunto, una sorta di tortelli dolci ripieni, che erano considerati la specialità di Brescia, tanto che un altro autore del tempo Ortensio Lando, li cita in un suo commentario dell’epoca:

“capitando in Brescia…vi mangerai una vivanda detta in lor lingua fiadoni, belli da vedere, grati al gusto, odoriferi più che l’ambra e più che il muschio, morbidi al tatto, confortano il gusto e lo stomaco, danno vigore”

Ingredienti:
Per la sfoglia:
500 gr di farina bianca, 2 uova intere, 100 gr zucchero, 60 gr acqua, 2 buste di zafferano, 10 gr olio extravergine di oliva, 30 gr di vino bianco.
Per il ripieno:
100 gr datteri, 70 gr di pinoli, 50 gr,uva passa, cannella due prese, menta e maggiorana qualche foglia.
Preparazione per il ripieno:
Tritate con il coltello i datteri e i pinoli, aggiungere l’uva passa precedentemente ammollata in un poco di vino bianco,la cannella e alla fine le erbe precedentemente tritate. Amalgamate bene il composto. Nel frattempo per la sfoglia, disporre la farina a fontana e mettere al centro tutti gli ingredienti, avendo cura di stemperare prima lo zafferano nell’acqua. Impastare bene in modo da ottenere un composto omogeneo. Far riposare la pasta avvolta nella pellicola in frigorifero per circa 30 minuti prima di utilizzarla.
Tirate la sfoglia molto sottile e dividetela in due parti, spennellare con dell’uovo sbattuto e disporre  il ripieno a palline come noci, ricoprite con l’altro strato di pasta come fossero ravioli, tagliare i fiatoni con il coppa pasta chiudendoli bene e friggeteli in abbondante olio caldo. Servirli spolverizzati di zucchero a velo.

 

freccia
TORNA INDIETRO

Comments are closed.